lunedì 23 giugno 2014

Mezze Maniche di Gragnano al Pesto di Rucola, Pinoli e Cannella



Con questo caldo gli orti esplodono e producono verdure in quantità! Dopo aver raccolto un bel mazzetto di Rucola mi sono dedicato alla preparazione di un pesto che abbandona la tradizione del basilico e dell'aglio per passare alla rucola e alla cannella. Il risultato è stato golosissimo!
Provare per credere!

Ingredienti


  • 1 bicchiere d'olio extra vergine d'oliva
  • 100 grammi di rucola fresca
  • 100 grammi di parmigiano
  • 1 cucchiaino raso di cannella in polvere
  • 50 grammi di pinoli
  • 1 filo di erba aglina
  • sale grosso qb



Preparazione

Il primo accessorio che "dovreste" procurarvi è un mortaio (da ikea intorno ai 10€) se non lo avete il frullatore normale va bene, ma non troppo.
E' molto diverso in cucina pestare dal tritare, in ogni caso il risultato sarà accettabile.

Puliamo la rucola e mettiamola nel mortaio/frullatore con qualche grano di sale grosso e l'olio. Iniziamo a pestare finchè non otteniamo un composto omogeneo.
Nel frattempo facciamo saltare i pinoli in un padellino senza aggiunta di grassi per tostarli 3 minuti.
Aggiungiamo anche loro e pestiamoli finchè non saranno più riconoscibili all'interno del composto.
Infine aggiungiamo il formaggio grattugiato e la cannella (l'ingrediente segreto che non ti aspetti).

Il lavoro di preparazione non è difficile ma è lungo e sopratutto se volete preparare grandi quantità di pesto diventa sfiancante.


Come impiattare

Abbiamo scelto un piatto tondo a tesa larga, oggi utilizzati sopratutto per le zuppe.
Con un cucchiaino da caffè prepariamo una base spessa circa 2/3mm.
Scoliamo la pasta e in un contenitore a parte facciamola insaporire nel pesto con pochissima acqua di cottura (l'amido addensa il pesto e fa si che resti attaccato alla pasta).
Con una pinza da cucina disponiamo in verticale le nostre mezze maniche in verticale finchè non otteniamo una composizione piena.
Concludiamo sbollentando un filo di erba aglina nell'acqua bollente e legando la pasta.
Questa operazione è importante sia per fini estetici che per fini pratici (se il pesto sarà molto liquido riuscirete lo stesso a farlo uscire dalla cucina senza far cadere le mezzemaniche sul fondo).



Beviamoci Su

Consigliamo un bianco secco e strutturato non molto invecchiato, all'incirca di 1 o 2 anni.

Per gli amanti della Birra un Pilsner Urquell servita intorno agli 8° non potrà che migliorare il sapore esotico di questa pietanza

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...